|► ALLOGGI PRIVATI |► OFFERTA GASTRONOMICA |► POSTI
  INFO  
 
 
 
Posto:
Categoria:Numero di persone: Appartamento tipo: 
FOTO GALLERIA
OFFERTE SPECIALE
 


 
Apartmani HATIĆ
 


 
Apartmani PRINCIP
 


 
Apartman CAMI
 


 
Apartman STELA
 


 
Apartmani VIDALLI
 


 
Apartmani LINA
 


 
Apartmani ELDA
 


 
House MARCELJANI
 


 
Apartmani NINA
 


 
Apartmani DEA
 


 
Istarska kuća GIOVANA
 


 
Apartmani MARINA
 


 
Kuća ROMANA
 


 
Apartmani BREZAC
 


 
House Mediteran


KRŠAN

Viaggiando per la costa orientale dell’Istria (la strada Fiume – Pola), si arriva a bellissimi, sempre nuovi, panorami verso la baia del Quarnero e l’isola di Cherso. A pochi chilometri dalla medesima strada, riusciamo vedere i traghetti, che navigano da Brestova attraverso la Grande Porta, verso Porozina sull’isola di Cherso. La chiesa di S. Caterina a Baci segna il confine di Chersano con il comune di Draga di S. Marina (Mošćenička Draga). Per vivere un momento unico, bisogna accostare dalla parte sinistra della strada, accanto al ristorante. Il punto Mašnjak (Pax Tecum) offre un panorama singolare sul Quarnero.

Pochi chilometri in avanti, arriviamo a Fianona (Plomin), una cittadina sul colle, accanto all’omonima baia, dove si trovava un antico castello e in seguito la Flanona romana. Fianona e ornata da un bastione ben conservato del XIII secolo e una buona parte della fortificazione
innalzata dal XIV al XVII secolo. E inevitabile visitare la cittadina e gioire negli splendidi panorami. Nella chiesa tardogotica, della Beata Vergine Maria, si entra da una spianata fuori della citta, nota sotto il nome di San Giorgio il Giovane, eretta nel 1474, nella quale si conserva un intagliato altare in oro del XVII secolo. La ricchezza della chiesa si vede nell’affresco con il volto della Madonna Nutrice del periodo tardogotico del mastro Alberto di Costanza dal Lago di Boden. Dalla chiesa di S. Giorgio il Vecchio, del XI secolo c’e una bellissima vista del Golfo di Fianona. Dalla parte sud della chiesetta si trova un’iscrizione in rilievo in caratteri glagolitici dal XI al XIII secolo, che rappresenta una perla della cultura croata da queste parti. Verso la fine di maggio e inizio di giugno fiorisce Istarski zvoneić (Campanula istriana Feer), pianta endemica con i fiori viola a forma di campanello. I fiori si possono vedere sulle chiese, sulle facciate degli edifici, sui baladuri, accanto alle finestre della cittadina. Tra la citta di Fianona e porto di Fianona nel XIX secolo, c’erano circa 20 mulini, dove si produceva farina e si lavava la lana. Il porto di Fianona era molto importante per il collegamento delle isole di Cherso e Lussino con l’entroterra. Qua troviamo 2 centrali termoelettriche.

A pochi chilometri dall’incrocio a Vozilići sulla strada per Pisino (Pazin), si trova Chersano, sede dell’omonimo comune. Fino alla citta vecchia si puň arrivare a piedi o in macchina. Il castello di Chersano, per la prima volta viene menzionato nel 1274, invece il nome odierno Chersano (Kršan) riceve nel XV secolo, quando questa terra era in possesso della famiglia Kerstlein de Pisino. Nella meta del XIX secolo a Chersano e stata trovata la Confinazione istriana – atto giuridico sui confini tra i possedimenti in Istria. La chiesa parrocchiale di S. Antonio Abate eretta nel XVII secolo, vicino alle mura del castello. Molto importanti sono le iscritte glagolitiche nella chiesa di S. Giacomo del XV secolo, scoperte nel 1991, dopo i lavori di ristrutturazione. Sul pavimento dell’omonima chiesa ci sono le lapidi risalenti al XV, XVI, XVII secolo, tra le quali troviamo la lapide di Giulio di Chersano del 1415, con accanto allo stemma famigliare dei proprietari chersanesi. La chiesa di S. Giacomo.

Il castello di Cosliacco (Kožljak) eretto ai piedi di Monte Maggiore (Učka), (nell’area del Parco della Natura – Monte Maggiore), vicino al Lago di Felicia, che e stato prosciugato nel 1932. Per la prima volta il Castello di Chersano viene menzionato nel 1102. Oggi troviamo soltanto i resti e le rovine del bastione della chiesa di S. Adriano.

Dal 1996 a Chersano e attiva L’Associazione artistico culturale Ivan Fonović Zlatela, la cui attivita  e basata sulle autentiche danze e canzoni popolari.

Gli appassionati degli affreschi, oltre a Fianona, possono visitarli nelle chiese a Jasenovik (Chiesa di S. Quintino) e Villanova (chiesa dello S. Spirito). Tra Valdarsa e Felicia su un colle e situato il villaggio Brdo (Colle). La parrocchia del posto viene menzionata per la prima volta gia nel XI secolo. La chiesa di S. Giorgio eretta nel 1622, viene ristrutturata nel XIX secolo. Sull’altare centrale sono poste le statue di S. Michele, S. Giorgio, S. Pietro e Paolo, mentre sull’altare laterale si trova la statua di S. Antonio di Padova, vale a dire S. Giuseppe. La torre campanaria e alta 35m ed e separata dalla chiesa. Qua si trova la chiesa di S. Elena ristrutturata nel 1895.

Nella localita di Felicia (Ćepić), situata vicino  all’omonimo campo, dal 1287 esisteva il convento paolino Kloštar, il piů vecchio in Istria. Nel 1872 i sacerdoti abbandonano il convento e si trasferiscono a Novi Vinodolski e a Crikvenica. Durante i secoli, il convento e la chiesa spesso cambiavano padroni. Fino ad oggi, il convento e rimasto intatto, con un cortile e in centro un pozzo. La chiesa parrocchiale della SS. Trinita a Felicia.

Potpićan – il villaggio piů giovane in Istria, sorto grazie alla miniera di carbone. Il centro pastorale Il pastore buono e un recente edificio sacrale.

Tutto ciň si puň visitare andando per i sentieri ciclistici.Per i cacciatori c’e la possibilita di caccia.

Dopo aver visitato i posti nominati, potete concludere la Vostra visita con un pranzo o una cena in uno dei nostri ristoranti, che offrono specialita casalinghe come ad esempio pesce, carne, asparagi, tartufi, crafi e potete passare la notte da uno dei nostri affittacamere, dove si puo scegliere tra camere, appartamenti, case rurali e agriturismo.




VRIJEME
MJENJAČNICA
MARKETING